Presente e passato

Immagine                                                                Paene insularum,Sirmio, insularumque ocelle,                                                                                        quascumque in liquentibus stagnis                                                                                      marique vasto fert uterque neptunis                                                                                Immagine                                                                            quam te libenter quamque laetus inviso,                                                                                        vix mi ipse credens Thyniam atque Bithynos                                                                                 liquisse campos et videre te in tuto.                                                                                              Immagine                                                      O quid solutis est beatius curis,                                                                                                      cum mens onus reponit ac peregrino                                                                                               labore fessi venimus larem ad nostrum,                                                                              desideratoque acquiescemus lecto?Immagine                                                  Hoc est quod unum est pro laboribus tantus .                                                                            Salve o venusta Sirmio, atque ero gaude                                                                                              gaudente, vosque, o Lidyae lacus undae,                                                                                            ridete quidquid est dome cachinnorum.

Gaio Valerio Catullo (84-54 a. C) amava la casa paterna di Sirmione di cui restano  ancora le imponenti rovine che si affacciano sul lago di Garda. I suoi poemi e la sua dimora sono sufficienti a farci capire la grandezza del poeta e del popolo di cui era espressione.

Che cosa abbiamo noi di più o di meno rispetto agli antichi Romani? Di più è presto detto: abbiamo la tecnologia, frutto di millenni di ricerche, spesso pagate con la vita dai nostri predecessori. Una tecnologia di cui il 99% della popolazione conosce solamente l’uso.

Di meno è un po’ più lungo da elencare ma ci voglio comunque provare.

L’amore per il bello; lo si vede nei pochi affreschi rimasti, nell’equilibrio della composizione architettonica, nella collocazione degli edifici nel paesaggio.

Il rispetto per le religioni di tutti i popoli.

La cura e la pulizia del corpo umano, per le quali si sono costruite bagni e terme. Rispetto per il corpo umano che si è trasformato in odio e quindi in sporcizia e malattie dal crollo dell’impero romano fino agli inizi del secolo scorso.

Il rispetto per la logica e per l’intelligenza che traspare dall’uso di ogni pietra, da quelle adoperate per costruire fognature ed acquedotti, a quelle utilizzate per il riscaldamento a pavimento, per i mosaici, per la costruzione dei muri delle case, orientati in modo da sfruttare tutto il calore del sole invernale.

Tralascio la letteratura, il teatro e la poesia, fatte studiare in modo pedante e  con sofferenza da insegnanti che vedono la cultura romana solo come un esercizio per affliggere generazioni di studenti, forse perché anche loro non ne hanno mai intuito la grandezza.

Siamo dei neonati grassi e petulanti, seduti in modo scomposto sulle spalle di giganti, dei quali non vediamo né comprendiamo la grandezza.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in poesia e storia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Presente e passato

  1. talpa ha detto:

    Certo che vicino alle rovine romane si riesce a sentirsi giovani!

  2. elena ha detto:

    No, ci si sente meschini e miseri, ma questa è una sensazione per la quale tu non hai bisogno delle rovine romane

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...