Milarepa

L’11 aprile scorso, il Dalai Lama, al Pala Trento, acclamato da una vera e propria ovazione di più di 3.500 persone, ha parlato di : ‘felicità in tempo di crisi’ di tolleranza e compassione, di giustizia e non violenza e del diritto di ciascuno di noi alla felicità. Ha detto che è possibile mantenere la pace interiore anche di fronte agli eventi più dolorosi e sconvolgenti -come quello dell’invasione del Tibet da parte dei Cinesi- e che si possono sopportare le torture se si prova compassione per i nostri persecutori. In mezzo ad applausi continui ha esortato i giovani a prendere in mano il loro destino per evitare che in un prossimo futuro si ripeta quello che è successo nel ventesimo secolo e per difendere il nostro habitat naturale minacciato dalle attività umane.Immagine                                                            Parole illuminate e sagge quelle dell’ultimo Dalai Lama ma io osservavo i giovani trentini seduti in terra ad ascoltarlo con sguardi emozionati e mi chiedevo come fosse nata tanta venerazione. Il Dalai Lama era, in Tibet, il dio-re, adorato come tale dal suo popolo che aveva pochissime occasioni di avvicinarlo e  considerava un supremo onore quello di poterlo vedere almeno da lontano. Ora questi ragazzi giovanissimi mostravano le stesso entusiasmo e la stessa profonda devozione dei lontani ex sudditi. In parte era sicuramente  ammirazione per la vita dura e difficile che aveva dovuto condurre dopo la fuga dal Tibet nel 1959, ma penso che il motivo principale sia da ricercare piuttosto nelle sue idee e nella sua filosofia. Il suo proclamato rispetto per l’ambiente, la natura, gli animali e tutti gli esseri viventi fanno di lui la guida spirituale del nostro tempo.                                                         Non so se il Dalai Lama, con le sue conferenze ed i suoi faticosi viaggi riuscirà ad ottenere un po’ di libertà per il suo Paese, ma da quello che ho visto è sicuro che  ha conquistatoImmagine        alle sue idee milioni di giovani e questa forse è una vittoria ancora più grande.

A casa ho riletto i due volumi: “Sette anni nel Tibet” e “Ritorno al Tibet” di Heinrich Harrer,  l’alpinista austriaco che con i due libri ha fatto conoscere al mondo, prima l’antica bellezza del Tibet e poi le conseguenze della sua occupazione da parte di Cinesi. In uno dei due testi c’è una bellissima poesia di Milarepa (1052-1135), il più famoso poeta tibetano, raffigurato sempre con la mano destra che copre l’orecchio destro, per indicare che bisogna ascoltarsi. Nella sinistra tiene un piatto di ortiche, l’unico cibo che si è concesso in tutta la sua vita.

Milarepa sosteneva che la povertà non è privazione ma un modo necessario per emanciparsi dalla tirannia del possesso materiale.

Ma lasciamo il posto ai suoi bellissimi versi.

Ascolta, ascolta, anche se il tuono rimbomba spaventosamente                                                          Non è che un suono vuoto.                                                                                                                     Anche se l’arcobaleno è ricco di colori                                                                                                  presto se ne andrà.                                                                                                                                   I piaceri di questo mondo sono come visioni di sogno                                                                    anche se uno li ama sono fonti di peccato.

Anche se tutto quello che vediamo ci sembra eterno presto cadrà in pezzi e sparirà.                Ieri, forse uno ha avuto quello che voleva o forse di più.                                                                Oggi tutto se ne è andato e non è rimasto più nulla.                                                                       L’anno scorso quello era vivo, quest’anno è morto.                                                                         Il buon cibo diventa veleno.                                                                                                                   E gli amici amati diventano nemici.                                                                                                   Parole dure e lamentele richiedono buona volontà e gratitudine.                                              I tuoi peccati  non offendono altri che te stesso.                                                                                 Tra cento teste tu valuti di più la tua.                                                                                                  In tutte le dieci dita, se una è tagliata, tu senti dolore.                                                                    Fra tutte le cose che stimi, te stesso è quello che stimi di più.

E’ giunto il momento per te di aiutare te stesso.                                                               

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Immagine     

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in società e poesia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Milarepa

  1. Bastet ha detto:

    Grazie! Una bellissima riflessione e poesia. Concordo che il Dalai Lama tocca il cuore dei giovani e forse non tanto per il dilemma del suo paese, ma per la sua filosofia ed esempio di vita…credo che ogni epoca ci presenta con qualcuno che possa essere d’ispirazione, come ad esempo Ghandi, per le loro scelte “spirituale”, e che fanno pensare che c’è un modo diverso, più umano o forse pieno (?), vivere la propria vita.

  2. talpa ha detto:

    Bella la poesia! Peccato che tu abbi bevuto un po’ troppo prima di scriverla.Mi piacciono molto l’ultima frase e il quadro di Bruegel sul quale faresti bene a meditare.

    • elena ha detto:

      Per come è scritta la poesia non posso che scusarmi, ma la colpa è da attribuirsi a problemi tecnici ai quali cercherò di far fronte, prima o poi. Per quanto riguarda il quadro di Brueghel, ebbene è di Bosch e chi dice di aver visitato il Prado tante volte, dovrebbe saperlo, perché quello da me riprodotto è un particolare dei sette peccati capitali dipinti su un tavolo (con la o) che si trova sulla destra, appena entrati. Impossibile non vederlo a meno che non si vada al Prado solo per vedere la Maia desnuda (di Goya).

  3. aurora mazzoldi ha detto:

    In effetti molti dicono le cose giuste e, noi lo sentiamo, vanno diritte al nostro cuore e aprono qualcosa. Normalmente suscitano una strana, fuggevole nostalgia di qualcosa che, lo si capisce, ci porterebbe la serenità. Non ascoltiamo a lungo però, e tutto rimane tra i bei desideri che, ci piacerebbe tanto, ma….Ma le parole che lasciamo entrare, secondo me, imprimono tanti piccoli solchi e aspettano che, col tempo, si crei il cammino verso la giusta direzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...