Muhammad ibn Musa al-Khwarizmi

Lo scultore Bernar Venet ha esposto le sue opere, che riproducono passi dei testi del grande studioso persiano al-Khwarizmi, nell’abbazia di San Gregorio, che sorge all’ombra della Chiesa della Salute, bianco ed imponente capolavoro del LonghenaImmagine        Nelle sale dell’abbazia, o meglio in quello che resta dell’antico edificio, costruito dai Benedettini nel 1160,Immagine    questi grandi quadri, che riproducono scritte in arabo, oppure frasi prese dai libri di algebra e di geometria, assumono un particolare aspetto solenne, quasi in contrasto con il chiostro trecentesco.Immagine  Trovo particolarmente interessante che un artista senta il bisogno di rendere omaggio ad uno dei grandi studiosi del passato che con il suo lavoro ha permesso la nostra civiltà contemporanea.ImmagineMuhammad ibn Musa al-Khwarizmi, nato nell’800 circa a Baghdad, visse presso la corte del califfo al- Ma’mun che lo nominò responsabile della sua biblioteca, la famosa – Casa della sapienza- L’opera delle studioso persiano per noi occidentali fu particolarmente importante perché sotto la sua direzione furono tradotte in arabo molte opere matematiche e scientifiche dell’antica Persia, dell’India, di Babilonia e del periodo greco-ellenistico.Immagine           Al-Khwarizmi è inoltre autore del primo libro di algebra ( parola che deriva dall’arabo al-jabr; ossia un’operazione usata per risolvere le equazioni di secondo grado). Uno dei suoi più importanti studi, tradotto in latino nel XII secolo -Algoritmi de numero Indorum- introdusse il numero zero nel mondo occidentale ed è la prima opera completa sul sistema di numerazione indo-arabico nel mondo occidentale. La stessa parola algoritmo deriva dalla latinizzazione del suo nome.biennale 2013  e serpenti 238

Fu anche un importante geografo ed il suo: -Libro della forma della Terra- (Geography in inglese) è una versione aggiornata della teoria di Tolomeo. Nel campo dell’astronomia produsse un altro importante lavoro, sempre basandosi su fonti indiano-persiano-ellenistiche; ossia le tavole astronomiche che comprendono una tavola trigonometrica dei valori del seno.Immagine        Che cosa avrebbero potuto fare i nostri grandi artisti del Rinascimento senza le sue ricerche ed i suoi studi? Non ho una risposta ma credo che il lavoro di Venet si possa definire un’opera di gratitudine e di riconoscenza. biennale 2013  e serpenti 244

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte e matematica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...