Neustift

Con San Gallo, Novacella è certamente la più famosa abbazia del mondo germanico. La pianta originale risale al castrum romanum con numerosi edifici isolati che assolvevano alle diverse funzioni tra cui quella di offrire asilo ai pellegrini che giungevano da due importanti vie di comunicazione.Immagine                      Fu fondata nel 1142 da vescovo di Bressanone, Hartmann e da allora è proprietà della Congregazione Lateranense Austriaca dei Canonici di Sant’Agostino. Per molti secoli è stata un’importante centro culturale, infatti vi nacquero una scuola di musica corale ed una di codici miniati. Di questi nella biblioteca si conservano solamente due raccolte frammentarie di decretali ed un messale del Tirolo del 1300. Ciò è dovuto al fatto che durante la secolarizzazione perseguita dal governo bavarese nel 1807, l’abbazia subì gravissime perdite: la biblioteca fu trasferita ad Innsbruck, gli oggetti preziosi furono fusi per fare monete e le opere d’arte furono divise fra i vari musei tedeschi. Dopo il ripristino del convento voluto da Francesco I nel 1816, l’ingente patrimonio poté essere ricostituito solo in parte. Ora l’abbazia ospita un collegio, un centro biblico, un centro convegni, un orto- giardino storico, ed una cantina rinomata per la bontà dei suoi vini.Immagine        Dal punto di vista architettonico abbiamo diversi stili che testimoniano la sempre attiva presenza dell’Istituzione sul territorio (lo stile contemporaneo, per fortuna, è presente solo in minima parte). All’epoca romanica risale il massiccio campanile e le mura di fondazione della chiesa. Ritroviamo il gotico nel chiostro con i suoi affreschi,Immagine            in alcuni portali, nei resti delle musa di cinta, nella torre d’ingresso e nei merli della cappella di Sant’Arcangelo.Immagine         La chiesa e la biblioteca sono invece stile rococò-barocco con stucchi, marmi ed affreschi tipicamente bavaresi.Immagine          Di rinascimentale abbiamo invece il -Pozzo delle meraviglie- così chiamato perché il tempietto che lo sovrasta rappresenta le 7 meraviglie del mondo.Immagine       Vicino alla chiesa c’è poi il cimitero con le croci in ferro come nei camposanti austriaci, segno che la legge napoleonica, che spostava i cimiteri fuori dagli abitati, qui non è stata osservata.ImmagineParticolarmente affascinante il chiostro con quello che resta degli affreschi ducenteschiImmagineRaffiguranti il martirio degli Apostoli, sicuramenteImmagine             opera di valenti pittori tedeschi.Gli affreschi si inseriscono in un’architettura ormai goticaImmagine         con archi trilobi, colonne con capitelli a calice e con i tondi con traforo a calice.Immagine      Alcuni degli affreschi del 1200 sono occultati sotto strati pittorici trecenteschi o quattrocenteschiImmagine             e parecchi sono andati perduti quando le pitture nel 1600 sono state ricoperte di calce.Immagine

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte e storia e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Neustift

  1. talpa ha detto:

    Niente sui famosi vini della Cantina??!!

  2. musa inquietante ha detto:

    Chissà se è rimasto qualcosa sotto quegli strati di scialbatura… durante un cantiere-scuola di restauro abbiamo tolto 9 strati di vernice di colori diversi per recuperare l’affresco!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...