Un po’ di storia, di cultura e d’arte cinesi -3-

Image                                         In Cina la pittura e la calligrafia erano considerate le arti elevate per eccellenza ed erano essenzialmente private, ossia circolavano all’interno di una ristretta cerchia di individui colti. Questo ha fatto sì che la pittura avesse una forte connotazione simbolica che solo gli iniziati sapevano cogliere. Le altre espressioni artistiche, come i lavori in ceramica, in bronzo Image               ed in giada, la realizzazione delle stoffe e delle statue è sempre stato appannaggio di abilissimi ed anonimi artigiani spesso illetterati.Image                                                 L’arte cinese, sopratutto la pittura, è vista come uno strumento capace di educare e di elevare l’animo umano. La calligrafia è strettamente legata alla pittura, di cui aveva all’inizio gli stessi compiti; rappresentare una cosa reale. E chi non è un bravo calligrafo non può nemmeno diventare un bravo pittore.Image                            La calligrafia non è che un genere di pittura stilizzato. Entrambi le arti poi si servono degli stessi strumenti; pennello, carta, inchiostro. Chi impara a scrivere impara anche a dipingere per cui la scrittura è l’espressione più alta della cultura cinese. Confucio attribuisce una grande importanza alle odi ed alla musica sulla formazione del linguaggio e del pensiero e per comprendere la pittura cinese è indispensabile conoscere la sua poesia. Una sola breve ode di T’ao Yuan-ming (365-429) offrì spunto per tutta la pittura seguente. In ogni fiore, in ogni montagna, in ogni paesaggio campestre si sente l’eco dei suoi versi.Image                      –                                    Il canto della siepe ad oriente- Da -I Venti canti del vino-  

                         Ho costruito la mia casa nella regione degli uomini.    Ma dei loro carri qui non giunge l’eco.                                                                                                                                                                                                           E se tu me ne chiedi la ragione :    Il mio cuore è lontano-è ricaduto in se stesso.                                         Sulla siepe orientale         Colgo oziosamente i crisantemi.                                                                                  Vedo la collina a sud di questo mio posto tranquillo,   e tinte dei monti così belle                                      nell’ultima luce,                                                                                                                                                                                   Io voglio dirlo e scordo la parola.      

                                          Uccelli erranti passano a coppie volando                                                                                                                    Ed in tutto questo sta un senso profondo.                                                                                    

 Molto poco è rimasto della pittura cinese antica, dapprima eseguita sulla seta opportunamente trattata e solo dopo il 123 a.C sulla carta, e noi ne possiamo intuire la grandezza solo attraverso riproduzioni eseguite nei secoli successivi. I dipinti ornavano la case spesso costruite in legno e quindi andate distrutte e pochi affreschi sono stati ritrovati nelle tombe che sono state scoperte negli ultimi decenni. Da quel poco che possiamo ammirare, le tematiche principali della pittura tradizionale erano i paesaggi, i ritratti, gli alberiImage                                                               ed i fiori, spesso rappresentati con un significato simbolico; il bambù che non si piega ed è sempre verde rappresenta la saggezza, il crisantemo la fine dell’anno,, il fiore del pruno la primavera.Image                                                                   -I quattro nobili- ossia il bambù, l’orchidea, il susino ed il crisantemo, rappresentano le quattro stagioni e le quattro età dell’uomo . Anche il colore ha una particolare importanza; il rosso è ad esempio il colore della gioia, il bianco del lutto e della tristezza.Image                                                                L’arte quindi non è una semplice rappresentazione della realtà, è una sua interpretazione ed è la manifestazione dell’essenza dell’oggetto dipinto; quindi il pittore non è solamente un artista ma pure un filosofo ed un saggio.Image                                                                  In nessuna delle pitture che ho esaminato esistono scene di violenza o rappresentazioni del dolore fisico o morale. Inconcepibile trovare nell’arte antica cinese teste mozze, crocefissi, persone squartate, oppure come in alcune nature morte europee, animali morti appesi ad un gancio. Anche nelle scene di caccia la crudeltà scompare, sospesa in un’immagine che vuole mostrare solamente l’ideaImage                                                                 dei cavalieri e della loro importanza sociale. Solo in un’immagine, di cui qui sotto mostro un particolare, ho trovato un assetto di caccia particolarmente importante ed aggressivo, ma era opera di Giuseppe Castiglione (1688-1766) un gesuita italiano che lavorò come pittore ed architetto per ben tre imperatori cinesi per circa mezzo secolo.Image             

Bibliografia: Vedi post precedente                                                                                    

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte cinese e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Un po’ di storia, di cultura e d’arte cinesi -3-

  1. francesco ha detto:

    Veramente molto belli questi tuoi tre post sull’arte, la cultura e la civiltà cinesi. Inevitabile anche il raffonto con la nostra cultura militaresca. Chi meglio di un gesuita poteva rappresentarci! Il prossimo post sulla poesia cinese?

    • elena ha detto:

      Il tuo commento è veramente gentile. Grazie. Non farò un post sulla poesia cinese, non la conosco abbastanza, ma non ho ancora finito con la Cina, anzi, non riesco proprio ad abbandonare l’argomento, è un mondo così raffinato e delicato e quindi così diverso dal nostro, che credo continuerò ad imperversare ancora per un po’.

  2. talpa ha detto:

    E poi sono io che mi ripeto…ma se ti piace tanto la Cina perché non ti trasferisci lì? Sono anche disposto a pagarti un biglietto di solo andata

    • elena ha detto:

      Incominciavo a preoccuparmi, invece rieccoti qui con mia grande gioia! Naturalmente accetto con riconoscenza il biglietto di sola andata.

  3. elena ha detto:

    Grazie Francesco!

  4. talpa ha detto:

    Non avrai per caso trovato l’anima gemella?!

  5. Bastet ha detto:

    🙂 stupendi! Mentre sta faccendo compere, for Talpa mi prenderebbe un biglietto per la cina anche per me?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...