La loggia del vescovo

Nel febbraio del 1528 si apre a Trento, per volere del vescovo Bernardo Cles, un importante cantiere d’arte che trasformerà il vecchio e medioevale castello del Buon Consiglio in un palazzo rinascimentale degno della potenza e dell’importanza che il vescovo aveva assunto sulla scena internazionale, infatti, dopo essere stato uomo di fiducia di Massimiliano I e consigliere di Carlo V, era diventato cancelliere supremo alla corte di Ferdinando d’Asburgo. Il Magno Palazzo era quindi il simbolo del suo potere e del suo valore politico e culturale.                                                                                                                   Cles apprezza subito i progetti per gli affreschi presentati da Girolamo Romanino del quale ammira pure la velocità nella realizzazione e la bravura nell’eseguire le pitture murali. Come sostiene Berenson,  Romanino era considerato uno dei migliori pittori di affreschi dell’epoca, capace di rappresentare con grande forza espressiva sia le idee che le scene richieste dai suoi committenti.                                                                                                                    Il primo lavoro del Romanino è la camera da letto del vescovo, una stanza interessante ma certamente non uno degli ambienti più frequentati. il secondo, ben più difficile compito prosegue nella loggia che si trova al centro del castello in uno dei punti più importanti perché luogo di passaggio e di raccordo tra le diverse zone. Romanino inizia i lavori nel 1531, li sospende durante la pausa invernale  per dedicarsi alla camera delle udienze, dove dipinge imperatori romani e contemporanei che attorniano un umanissimo Cles che domina però, sia per le dimensioni che per il colore rosso del vestito, tutta la sala.Immagine                              Affresca in questo periodo i corridoi che portano nelle cucineImmagine             ed agli ingressi dei bagni dove mostra registri espressivi assai differenti ed adatti ai singoli ambienti.Immagine                                                                    Immagine                Nella loggia gli argomenti presentati sono ricchi di riferimenti storici, di episodi biblici espressi  con immagini travolgenti, in cui i protagonisti delle storie sembrano muoversi e dirigersi in modo impetuoso verso lo spettatore. Sono dipinti sicuramente con uno stile che si richiama al Pordenone. Le lunette sono realizzate invece pensando a Tiziano ed ai suoi insegnamenti sia per quanto riguarda il contenuto che per la forza espressiva. Nel pianerottolo, dove lo spazio è ridotto, i personaggi assumono un’espressione più intima e personale come ad esempio nel ritratto del buffone Paolo Alemanno, molto amato dal Cles, che con il suo corpo sgraziato e contorto e con uno sguardo melanconico e sfuggente gioca con una scimmia a cui mostra le ciliegie dipinte con estremo realismo seguendo l’insegnamento di Leonardo.Immagine                  Lo stesso si può dire per la figura allegorica della Carità che abbraccia il liocorno.Immagine               E per l’Avarizia in cui si può notare la realistica e leonardesca rappresentazione del serpente.Immagine               E per il sofferente ed emaciato Prometeo torturato da un realistico avvoltoio.Immagine                    La loggia, in assoluto il capolavoro del Romanino, aperta in 5 maestose arcate sul cortile dei LeoniImmagine               si trova al primo  piano del palazzo. Il tema dominante dipinto dall’artista è il carro di Fetonte che ricopre gran parte del soffitto ed è il simbolo della temeritas che si contrappone in modo violento alla mediocritas tipica dell’ambiente indigeno.Immagine                     L’argomento è tratto dalle Metamorfosi di Ovidio; un testo assai apprezzato dal committente ed è un invito a guardarsi dal troppo ardire che conduce alla rovina. Nello stesso tempo l’azzurro del cielo ed i cavalli lanciati verso l’alto permettono al pittore di ampliare lo spazio suggerendo una profondità infinita. Fetonte è circondato dalle 4 Stagioni e nei pennacchi sono dipinti 10 nudi maschili, inseriti nello spazio aperto del cielo, estremamente espressivi e pieni di movimento.Immagine                                                                     Immagine                Nelle 10 lunette poste lungo le pareti i protagonisti si affacciano sulla loggia e sembrano voler uscire dallo spazio loro assegnato animando con il movimento dei loro corpi l’intera parete quasi come in una rappresentazione teatrale; talvolta tragica come nella Giuditta ed Oloferne,Immagine               dove la protagonista mette in evidenza le sue grazie ma nello stesso tempo mostra sul volto i segni del disprezzo e del disgusto per il comandante nemico che sta decapitando. Una rappresentazione artistica in cui si scava nella psicologia dei personaggi resi in tutta la loro tragicità come nella Cleopatra.Immagine               E’ resa in modo drammatico pure la storia di Virginia uccisa dal padre per sottrarla alle mire di Appio Claudio che si era follemente innamorato di lei.Immagine                        Quasi popolaresca la scena dove Dalila con vigore ed impegno taglia i capelli a Sansone.Immagine                            Molto movimentata la rappresentazione delle Tre Grazie di cui una cerca di sporgersi nella loggia trattenuta nel cielo dalle altre due.Immagine               Ci sono ben tre lunette dedicate alla musica che mostravano nella pittura quello che si svolgeva durante i balli che si eseguivano nella loggiaImmagine                                  e nello stesso tempo erano un omaggio alla cultura del gentiluomo rinascimentale il quale non poteva non conoscere la musica.Immagine

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...