Passeggiare

Immagine               Il Monte Baldo scende dolcemente verso il lago di Garda e con i suoi pendii coperti di boschi con olivi e lecci crea un’affascinante cornice ai paesi situati sulla sponda orientale del lago. Sono tutti molto belli in qualsiasi periodo dell’anno. Io li preferisco in inverno quando non c’è nessuno mentre li evito in estate quando sono affollati  in ogni dove da turisti soprattutto germanici. Immagine                                           Uno di questi paesi è Torri del Benaco.Immagine                  Un borgo di circa 3000 abitanti con un delizioso porticciolo. Il castello scaligero è sorto sulle rovine di una preesistente fortificazione medioevale ed è stato  costruito a scopo meramente difensivo.Immagine             Le torri facevano parte della cinta muraria che doveva proteggere il paese da eventuali attacchi, mentre sotto il castello si diramavano i sotterranei utili in caso di fuga. Era stato costruito per rafforzare le difese del porto creando una darsena fortificata ritenuta indispensabile per il controllo delle acque. Nel 1405 divenne proprietà della Repubblica di Venezia dopo essere stato dei Carrara e dei Visconti. Dal 1973 appartiene al Comune di Torri e contiene un interessante museo etnografico con la serra dei limoni del 1760.Immagine                             Proseguendo lungo il porto si giunge alla piazza principaleImmagine               dominata dal palazzo della Gardesana costruito dalla famiglia Calderini  nel 1400 sulle fondamenta di un edificio di epoca romana. Divenne sede per 380 anni del Consiglio della Gardesana dell’Acqua, una federazione di 10 Comuni della sponda orientale del lago. Ora è un prestigioso albergo dove hanno soggiornato Juan Carlos di Spagna, Lawrence Olivier, André Gide, Beniamino Gigli e Maria Callas. Nel portico è rimasta la tavola marmorea eretta dal padre Antonio in memoria del figlio Domizio Calderini,Immagine                 un grande umanista morto di peste all’età di 34 anni nel 1478. L’iscrizione sul retro è opera di Angelo Poliziano amico dello studioso. Nella stessa piazza il nobile Giovanni Menaroli fece edificare la chiesetta della Santissima Trinità agli inizi del 1500.Immagine               La facciata fu spesso rimaneggiata ed ha perso il suo originario carattere rinascimentale. Degli affreschi, nella parte orientale, dove una volta c’era l’altare, rimangono Immagine               un Cristo fra i Santi Caterina d’Alessandria  e san Bartolomeo, opera probabilmente di Ranuccio Arvari. Alla base troviamo pure un Cristo crocifisso tra Santa Lucia e la Madonna,Immagine              ai lati la Madonna che allatta il Bambino e Sant’Antonio da Padova (del secolo XV)Immagine                    Sulla parete meridionale sono raffigurati una Madonna con Bambino e San Rocco, opera probabilmente della Scuola del Morone.Immagine                        Sul lato meridionale si vede un san Cristoforo  del XV secoloImmagine                      e sulla parete nord rimane un frammento di Ultima Cena dello stesso periodo.Immagine                           La Via degli Antichi Originari, ricorda la Corporazione dei pescatori di Torri, fondata nel 1452, che riscattarono il diritto di pesca Immagine               dai conti Becelli di Costernano ed appena entrati in possesso delle loro parti i soci si diedero delle leggi e dei regolamenti per difendere i diritti appena acquistati, formando così la Corporazione degli Originari i cui diritti si sono mantenuti fino ad oggi nonostante il tentativo di abolirli da parte di Napoleone e dei Fascisti. Oltre alla gestione dei diritti di pesca uno degli scopi dell’associazione era quello di garantire l’assistenza sanitaria agli abitanti del paese.Immagine                      Affascinante pure la torre dell’orologio che ora si trova in mezzo alle case. Costruita con funzioni  militari nel XIII secolo, la torre divenne protagonista della vita cittadina del Comune. Vi si tenevano le adunanze delle Vicinie, il consiglio dei 24 capofamiglia per discutere dell’amministrazione del paese e le relative relazioni scritte.Immagine                L’orologio del 1561 è uno dei primi orologi solari della regione  e prevede la suddivisione della giornata in 24 ore con numeri latini ed arabi. Un simbolo, per l’epoca, del prestigio della Comunità. Al tramonto venivano scanditi 24 ritocchi ed uno la prima ora della notte.Immagine                Interessante anche la chiesa parrocchiale  costruita nel 1719 sulla precedente chiesa romanica, demolita per costruire l’edificio attuale . La facciata reca le statue dei santi Pietro e Paolo ai quali è dedicato l’edificio e sono opera dello scultore  Michelangelo Speranza. Gli affreschi del soffitto sono opera  di Felice Cappelletti e raffigurano Cristo che salva Pietro dalle acqueImmagine                              e l’angelo che abbatte gli idoli.Immagine                  Molto bello anche l’organo dei Fratelli BonattiImmagine                  La costruzione delle 4 torri che difendevano la cittadella fortificata dovevano essere l’ultimo rifugio dell’impero romano contro l’invasione dei barbari. Furono fatte edificare da Berengario I nel 904 e di queste ne rimane solo una, quella accanto alla chiesa.Immagine                             Termino con le immagini del parco comunale dove sono lasciate crescere le bellissime pratoline a differenza degli altri parchiImmagine        che trasformano i prati in campi di calcio, e con la romantica passeggiata lungo il lago.Immagine

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in paesi d'arte e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Passeggiare

  1. francesco ha detto:

    grazie per avermi permesso di condividere con te questa bella gita sul lago!

  2. elenaedorlando ha detto:

    Grazie a te per il gentilissimo commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...