Sabbioneta e il Duca

               “…la maggior parte degli Stati italiani erano all’interno opere d’arte, vale a dire creazioni coscienti, emanate dalla riflessione e fondate su basi rigorosamente calcolate e visibili.” J. BurckhardtImmagine                  Vespasiano Gonzaga (1531-1591) realizzò la sua città ideale in trent’anni e riuscì pure ad innalzarla al ruolo di ducato, grazie alle sue amicizie con Rodolfo d’Asburgo e con Filippo II di Spagna che lo insignì pure dell’Ordine del Toson d’Oro; la massima onorificenza spagnola.                                                                                                                                                Come in ogni città ideale che si rispetti, oltre alle chiese ed ai palazzi nobiliari vi si trova pure un teatro per allietare la corte ed il popolo.                                                                          Il Teatro all’Antica di Sabbioneta è stato progettato da Vincenzo Scamozzi nel 1588 ed è un superbo esempio di eleganza architettonica. Colpisce la scritta sulla semplice facciata voluta dal Duca -Roma quanta fuit ipsa ruina docet-Immagine                   Ma è splendido soprattutto l’interno. Anche se ben poco resta del teatro originale, bastano le colonne corinzie che reggono le trabeazioni -su cui poggiano le statue delle divinità olimpiche- per farci capire quanto bello doveva essere stato questo edificio.Immagine                       con gli affreschi che si richiamano ad immagini dell’antica Roma e di cui oggi resta ben poco.Immagine                                    Al centro della piazza principale domina il palazzo ducale; ricostruito ex novo dopo un terribile incendio, dal 1561 in poi, dai cremonesi Antonio della Torre e Niccolò delle Noci. L’aspetto attuale risale agli ultimi anni della vita di Vespasiano, anche se gli affreschi realizzati sulla facciata da Bernardino Campi, sono stati dilavati dalle intemperie. Anche l’interno di questo palazzo è stato completamente privato degli arredi, delle statue e dei quadri da un decreto asburgico del 1772. Restano, come nel Palazzo Giardino, i soffitti e gli affreschi di cui mostrerò qualche immagine, talvolta un po’ sfuocata ed oscura per il divieto di usare il flash..Immagine                                                              La saletta delle stagioni è un piccolo ambiente quadrato, realizzato probabilmente da un allievo di Giulio Romano.ImmagineImmagineImmagine                                         E’ molto più grande la stanza di Diana dipinta da Bernardino Campi.Immagine                       Ora la sala dei dardi contiene solamente un soffitto ligneo con al centro lo stemma ducale, circondato dal collare del Toson d’Oro ,sormontato dal berretto di vassallo maggiore dell’impero.Immagine                                                      La sala d’oro è dedicata al duca d’Alba Ferdinando Alvarez di Toledo, amico di Vespasiano e generale di Filippo II. Realizzata da Leone Leoni ci rimangono il camino ed il soffitto.Immagine                                            All’esterno un piccolo cortile termina il percorso del piano terra.                                                                                                                 Immagine                         Al primo piano si entra nella grande sala delle Aquile dove si può ammirare quello che resta  della -Cavalcata- una teoria di statue equestri scolpite in soli due anni da una bottega veneziana.Immagine                                                                  Un incendio del 1851 le distrusse tutte tranne 4 e si salvarono i busti che si possono vedere in fondo alla sala, dietro la statua di Vespasiano.Immagine                                  Le statue rappresentavano il potere e le virtù militari della Famiglia Gonzaga ed il valore del Duca quale uomo d’armi degli Asburgo, come ricordano le aquile dipinte sulle pareti.Immagine                                                           Il soffitto della sala degli imperatori, eseguito da Crozio Conti e da Alessandro da Casalmaggiore, rappresenta il fulmineImmagine                alato simbolo del Duca e gli stemmi degli Aragona-Colonna Gonzaga.Immagine                                 I cuoi, dipinti in cremisi ed oro, i busti degli imperatori romani, le opere di Giovanni Bresciani e di Bernardino Campi che ornavano la sala furono confiscati dagli Asburgo e portati a Mantova dove scomparvero nel nulla. C’è quasi tutto  invece nella galleria degli antenati che comprende 21 bassorilievi a stucco con le effigi degli antenati di VespasianoImmagineImmagine                                                          opera, forse, di Alberto Cavalli,  mentre gli affreschi si attribuiscono a Giovanni A. Morandi.          Immagine             il carro del Sole                                                        ,Immagine Marte                                                                                                                                                                          Nella sala degli elefanti, un tempo dedicata all’amministrazione della giustizia, gli affreschi sono stati completamente rovinati nella seconda metà del 1800 per ricavare soppalchi per gli uffici comunali.Immagine                                                                    Le figure rappresentavano la forza degli dei e dell’intelligenza che riesce a controllare anche gli istinti più potenti.ImmagineImmagine                     In alcune sale è presente in questo periodo una mostra d’arte sacra proveniente soprattutto dai depositi  della casa parrocchiale come il dipinto di Domenico Savi.Immagine                        Guardando velocemente le opere religiose mi sono resa conto che in nessuno degli affreschi fatti eseguire dal Duca avevo visto un qualsiasi riferimento alla religione cristiana, eppure siamo in piena inquisizione e Filippo II di Spagna, suo amico, è il braccio armato della Chiesa, colui che scrive al Papa che cercherà di annientare gli eretici e che rafforza in tutti i modi l’Inquisizione, sterminando gli Olandesi e tutti coloro che manifestano un qualsiasi dubbio sulle verità rivelate. Vespasiano, da vero personaggio del Rinascimento, ritorna ai fasti ed ai principi dell’antica Roma  e non solo si circonda di immagini degli dei dell’antichità e studia assieme ai più grandi dotti del tempo le opere degli scrittori romani, soprattutto quelle di Lucrezio, ma ne assimila pure lo spirito tollerante nei confronti della libertà religiosa: nel suo territorio, infatti, gli Ebrei non furono mai costretti in un ghetto e l’attuale sinagoga, ricostruita sull’antica nel 1823, si trova vicina alla chiesa dell’Assunta e di san Rocco.Immagine                                                                L’intolleranza religiosa non era permessa nella città ideale e come poteva essere altrimenti nella Sabbioneta dedicata a Minerva la dea della ragione?Immagine                                     Un ultimo sguardo da una delle finestre del retro di Palazzo Ducale prima di uscire sulla piazza principale per visitare le chiese di  San RoccoImmagine                                                    e dell’AssuntaImmagine                                    molto belle entrambi ma in cui la pochissima luce non mi ha permesso di ottenere nessuna fotografia mostrabile.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte e storia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...