Un po’ di storia

Immagine            Con la proclamazione del Regno Unito nel 1861, inizia la storia dell’Italia attuale vista con un certo disdegno da politici, statisti e intellettuali chiamati a governarla. Massimo d’Azeglio affermava e Cavour ripeteva: “Pur Troppo s’è fatta l’Italia ma non si fanno gli Italiani” I politici italiani, invece, si sono fatti subito benissimo, infatti spuntavano dappertutto come funghi e cercavano di governare in ogni modo, nell’interesse dei poveretti -non ancora fatti- saccheggiando le imprese del Sud ed imponendo tasse esorbitanti; tutto come ai giorni nostri. Al popolo italico, non particolarmente predisposto a rivoluzioni sanguinose, come i vicini d’oltralpe, non restava che l’umorismo graffiante ma innocuo dei giornali satirici. A Torino nascono -Il Fischietto- e -Pasquino- Carlo Collodi a Firenze dirige -Il Lampione- A Milano troviamo -Lo spirito folletto-  -La Frusta- a Roma. Ma il giornaletto più bello di tutti è forse -Il Papagallo- grazie alle illustrazioni delle due tavole centrali disegnate da Augusto Grossi che aveva fondato il giornale a Bologna nel 1873 e che lo avrebbe diretto fino alla chiusura nel 1915.                                                                                                                                 Le figure dipinte sono di politici, capi di Stato, personaggi famosi che sono sistemati al centro della rappresentazione dei mali che affliggono l’Italia. Un’importanza particolare viene riservata al Leone di Caprera, ossia a Garibaldi, visto in modo umoristico ma nello steso tempo con simpatia. Il successo strepitoso del Papagallo portò alla creazione di un’edizione inglese -The parrot- e di una francese -Le perroquet-

Immagine              Ma vediamo alcune delle cromolitografie presenti nel Museo del Risorgimento di Brescia che spero facciano divertire i miei due lettori come mi sono divertita io. Ho trascritto integralmente le didascalie composte da Augusto Grossi sotto quasi tutte le tavole perché sono particolarmente incisive e non hanno bisogno di commenti aggiuntivi.    Immagine                 20 settembre giorno dell’ingresso degli Italiani a Roma -21 settembre 1873-                           Immagine                                                       L’anniversario dell’ingresso a Roma                                                                                                                                                   Immagine                   Il presepe politico. E’ nato il nuovo anno. La Madre politica è salutata dalle provincie                                         che non finiranno mai i loro doni….per forza. Ed i  magi corrono                                               sempre secondo i moti delle stelle -10 gennaio 1875-                                                                                 Immagine                Il nuovo Gulliver italiano. I pigmei credono di aver legato il  gigante ma egli si                                                                 stancherà al fine si solleverà e li scrollerà tutti.                                                                             Intanto ha portato in parlamento tre progetti utili all’Italia.                                                     -14 febbraio 1875-                                              Immagine             Gli offerenti per apparenza. Gli offerenti: Vi offriamo cuore e denari, lumi e mano                                                                d’opera e più la nostra testa tutto ad utilità dei vostri                                                         progetti. Garibaldi: Grazie! Voi fate la caccia ai miei sacchetti!                                                         Immagine             Il nuovo Daniele a Roma. Garibaldi: io mi credea che come Daniele mi foste favorevoli                                                  nei miei progetti (dell’Agro Romano e del Tevere) ed invece la                                                  mia fiaccola vi intimorisce altrimenti mi mangereste. O                                                              giornalisti affamati che invano volete sembrare leoni.                                                                -2 maggio 1875-                                                                                                                        Immagine              L’onomastico del Leone di Caprera. Papà Garibaldi ha presentato dei buoni progetti per                                                    l’Agro Romano e per il Tevere, ora non gli resta che chiedere                                                    l’obolo ai patrioti per compiere l’opera, altrimenti non se ne                                                       fa un’acca.    -19 marzo 1876-                                                                                                                          Immagine              L’unico ovo italiano. Italia: i miei destri mi lasciano grassi e gonfi. I sinistri subentrano                                         tristi e sparuti, trionfanti d’un guscio. Quale speranza mi resta che                                           dell’ovo ne han fatto la festa? -16 aprile 1876-

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in storia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...