Santa Maria in Organo

Immagine   Ho sempre pensato che a Verona esista più arte che in tutta la Germania ma alcuni giorni or sono ho attraversato il Ponte di Pietra e sulla sponda destra dell’Adige ho trovato per caso la chiesa di Santa Maria in OrganoImmagine                                      ed ho incominciato a pensare che forse bastano le opere contenute in questa chiesa per fare il paragone con il Paese sopracitato. A differenza delle chiese del centro  l’ingresso era gratuito e la sorveglianza consisteva nella signora che faceva le pulizie.                                  Ho cercato di non pensare ai prezzi astronomici che ho pagato in Francia per vedere rovine romane ricostruite o musei, contenenti poche opere rubate in Italia, negli Stati nordici. Ricordo pure un museo dei falsi (fatti male) in Baviera per visitare il quale si sborsava una somma rilevante. Ora lì, davanti a me, c’era un museo che si poteva percorrere in lungo ed in largo senza pagare nulla.                                                                                                                                              Il nome della chiesa non deriva dall’organo, ancora funzionante, realizzato dal maestro Nicola nel 1506, ma da un’incredibile opera idraulica di epoca romana  abbattuta durante il dominio longobardo. Dove si erge il campanile, progettato da fra’Giovanni da Verona, c’era un’alta torre sulla cima della quale vi era un tamburo circolare che sosteneva delle statue che si muovevano mediante l’energia idraulica dell’Adige e segnavano il tempo in base all’ombra proiettata. Il risucchio dell’acqua convogliata in alcune canne emetteva suoni melodici ad intervalli regolari. Quindi l’acqua ritornava nel fiume passando per una serie di fontane che servivano per l’irrigazione degli orti vicini.

Immagine                                       Tra il VI e il VII secolo si costruì la prima chiesa con i resti dell’edificio romano  di cui ci resta la cripta. Il terremoto del 1117 distrusse parzialmente l’edificio che fu poi ricostruito e donato ai monaci Olivetani nel 1444. Era uno di loro il celebre Giovanni da Verona ; architetto, intagliatore ed insigne artista che realizzò le tarsie del coroImmagine                                   e della sacrestia che aveva anche progettato. Una delle più belle sacrestie secondo il Vasari che nelle –Vite– scrive:”…Giovanni da Verona, allora gran maestro di commesse di prospettive di legno, il quale vi fece non solo le spalliere che attorno vi erano, ma anche usci bellissimi e sederi lavorati in prospettive; i quali grandissima grazia, premio et onore gli acquistarono col papa. E certo che in tal magisterio mai non fu più nessuno più valente di disegno e d’opera che fra’Giovanni, come ne fa fede ancora in Verona sua patria una sagrestia di prospettive di legno bellissima in Santa Maria in Organo.”  (ed. Einaudi pag.620)                                                                                                                                   La chiesa all’interno è completamente ricoperta di affreschi, tele, statue, tarsie, tanto che è impossibile mostrare anche solamente un decimo di quello che vi si trova, mi limiterò  alle immagini  riuscite meno peggio, tralasciando con sofferenza di mostrare due bellissime tele di Paolo Farinati; -La strage degli innocenti- e -Il trionfo di Costantino- che come qui si può vedere, non mi sono riuscite in fotografia per la distanza e la mancanza di luce.Immagine                                        Lo stesso dicasi per le opere di Luca Giordano, di Pittoni, del Savoldo e del Guercino. Consoliamoci con -Michele arcangelo in atto di colpire  Lucifero- di Paolo  Farinati,

Immagine                                          con il Padre eterno, sul soffitto, del figlio OrazioImmagine                                                            con la pala di Francesco MoroniImmagine                Immagine                                                         l’assunzione di N. Golfino

.Immagine                                       Sant’Elena che ritrova la croce di Simone Brentana.                                                                                                                             Immagine                                                                  la manna di N. Golfino                                                                                                                                                                            Immagine                                      Uno dei personaggi biblici di Domenico Morone  che ha dipinto pure l’Annunciazione sull’arco trionfale in due tondi.                      ImmagineImmagine                                                 la resurrezione di Lazzaro di D. BrusasorciImmagine                            Ma ora entriamo nella sacrestia di fra’ Giovanni per ammirare i soffitti in alto Immagine                                      e la serie ininterrotta di monaci che percorre tutte le paretiImmagineImmagineImmagineImmagine                                            opera di Domenico e Francesco Morone.Immagine                  Veramente incredibili le tarsie in legno di cui mostro solamente due particolari:ImmagineImmagine                                         In basso le porte degli armadi sono tutte completamente dipinte da Felice, Domenico ed Agostino Brusasorci.ImmagineImmagine

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in chiese d'arte e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...