Venezia e la Polonia

Immagine               Gli affascinanti –Sonnets in Babylon- del famoso architetto, filosofo ed artista polacco Daniel Libeskind sono una sorta di mappa metafisica di Venezia. Il visitatore è invitato a scegliere idealmente uno dei disegni che compongono i Sonnets, e, camminando per la città, deve ricercare la coincidenza tra il disegno e la realtà dello spazio fisico veneziano.Immagine               Quindi, scattando una serie di fotografie, catturare delle immagini che siano l’equivalente poetico del sonnet che il visitatore ha scelto. Una trasfigurazione poetica della realtà che si intreccia con i ricordi della poesia antica in uno spazio immaginario al di fuori del tempo.Immagine                 I disegni, creati a mano e serigrafati su grandi lastre di vetro, disposti sulla parete curva del padiglione Venezia, riflettono la luce come i canali della città e come questi sono costruzioni al di là del tempo che si sedimentano nel nostro immaginario in cui cerchiamo di catturare il significato profondo dell’esistenza,Immagine                 nella quale poi scopriamo le tracce del rapporto impossibile tra pensiero e raffigurazione, realtà e verità, immagine e poesia, anima e corpo. Un lavoro filosofico quello di Libeskind che scrive sulla parete subito dopo il suo -lampadario di ghiaccio-Immagine               ” Il disegno rappresenta un universo magico, la fonte di tutta l’architettura e la sua ombra immortale. Un mondo di immaginazione e fantasia senza una direzione prestabilita ed una chiara origine. Un mondo privo di parole, ideologie, nazionalità e confini. Un mondo figurativo che connette noi stessi all’invisibile. -I Sonnets in Babylon- la mia opera in 101 disegni a mano sono esposti all’interno dell’installazione concepiti come un’unica tela senza alcun ordine apparente. I Sonnets determinano i punti cardine di 101 possibili scenari verso un inatteso futuro dell’architettura.”                                 Immagine                                                                     Immagine                                                             Immagine               All’esterno del padiglione una grande scultura colpisce per la sua severità ed imponenza.Immagine               Un monolito che ricorda la Kaaba, vista di lato, ma che è una croce vista dall’alto. Un simbolo dell’unione tra le varie religioni monoteiste.                                                                                   Un lavoro affascinante quello dell’artista polacco che induce a riflettere ed a porsi degli interrogativi ai quali non sono riuscita a trovare una risposta, come ad esempio il significato del titolo della mostra. I sonetti in Babilonia si richiamano forse al sonetto 114 del Canzoniere del  Petrarca?                                                                                                                   “ De l’empia Babilonia, ond’è fuggita                                                                                                 ogni vergogna, ond’ogni bene è fori                                                                                                 albergo di dolor, madre d’errori,                                                                                                       son fuggito io per allungar la vita.”                                                                                                   E’ l’empia Babilonia il mondo dell’architettura contemporanea oppure l’amministrazione contemporanea della città di Venezia, visto che siamo nel suo padiglione?                                                                                                                                                                                   biennale architettura 2014 002   Anche il padiglione polacco invita alla riflessione filosofica. Dopo aver salutato il visitatore con un – Benvenuti nel nostro sogno–                                                            Immagine                                                                                 si afferma che l’architettura “possiede il potere di realizzare l’irrealizzabile, di librarsi nel paese della fantasia collettiva, di creare miti, di distorcere la realtà” Ed ecco al centro di una grande sala vuota e bianca –l’oggetto impossibile-                                                                Immagine                 la copia di un grande baldacchino coronato da una lastra con l’iscrizione sospesa in aria, dedicato nel 1937 all’eroe nazionale Josef Pilsudski e costruito con il materiale di reimpiego degli Stati che si erano spartiti la Polonia per oltre un secolo.                                                                                                         Immagine          La costruzione tenta di sintetizzare nel presente il passato dello Stato polacco con l’immagine del futuro.                                                 Immagine                                                                                                E: “Il contesto in cui il baldacchino fu realizzato e la sua simbologia mostrano il modo in cui possono svolgersi i processi di manipolazione della memoria, il cui strumento è rappresentato dalla mitizzazione della storia.”                        

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in architettura biennale 14 e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...