Giù e su per la val Camonica

camuni 011 camuni 083       La val Camonica è sede di uno dei più importanti ritrovamenti di arti rupestri al mondo (circa 300.000 incisioni scoperte fino ad oggi) che si susseguono per decine di chilometri dall’alto corso dell’Oglio fino al lago di Iseo. Le prime incisioni risalgono al X millennio a.C. ma le più diffuse appartengono ad un periodo che va dal 4° al 1° millennio a.C -quando il territorio era abitato dai Camuni- e giungono fino ai giorni nostri passando attraverso le incisioni cristiane medioevali. Il nucleo più rilevante è sicuramente a Capo di Ponte, dove sono presenti il Museo e tre siti archeologici. Il più importante è situato a Naquane, dove, nel 1951 lo Stato italiano ha istituito il Parco Nazionale Delle Incisioni Rupestri.camuni 098          Su un centinaio di massi di origine glaciale (arenarie permiane) i nostri antenati, scalpellando e martellando la roccia, hanno lasciato tracce indelebili dei loro sentimenti religiosi, della loro visione del mondo e della vita. Il parco, ricco di una vegetazione lussureggiante di betulle,camuni 012carpini, castagni e ginepri giganti, accoglie il visitatore con un sorvegliante d’eccezione.camuni 052Superato l’ingresso, mi sono avvicinata alla prima grande roccia con la mia solita macchinetta, pronta agli scatti, ma mi sono accorta che non vedevo nulla, il che , dopo 4 ore di macchina su e giù per le stradine e i valichi dell’Adamello, non mi faceva ridere neanche un po’. Per fortuna , un gentile signore a disposizione dei visitatori par mio, mi ha informato che le iscrizioni si possono vedere solo dopo un po’ di esercizio. Ho notato poi i grandi cartelli che fiancheggiano i reperti più importanti  e che spiegavano molto bene i contenuti ed i significati dei disegni, significati presunti, perché spesso gli studiosi sono in disaccordo tra di loro nell’interpretare le immagini.camuni 180      La roccia più interessante è sicuramente la N.1 che comprende circa un migliaio di figure. Vi sono scene di caccia al cervo, un animale considerato una divinità e di cui ci si cibavacamuni 182        Vi sono rappresentate le famose palette, il disegno più discusso ma di cui l’interpretazione più corretta mi sembra quella di chi le considera oggetti per raccogliere le ceneri del defunto.camuni 185 camuni 183        Il motivo della rosa camuna si ripete molte volte. camuni 154      Su un’altra roccia ecco il cavaliere armato di lancia ed il piede reticolato, immagine che si ritrova incisa in parecchie pietre.camuni 014   Sulla roccia n.3 si può osservare un’iscrizione dell’età del ferro, di derivazione etrusca per fissare nomi di persone, luoghi o divinità. La lettura dei segni a sinistra nella foto è stata proposta come LEZUENEZ, di cui non si sa interpretare il significato.camuni 015       Vi sono poi raffigurati reticolati che sono stati interpretati come piante di insediamenti oppure oggetti per catturare animali.camuni 017         A dorso di un cavallo sono rappresentati personaggi importanti o guerrieri  perché il cavallo era riservato ai nobili.camuni 067        Vi sono poi incise numerose scale, reti da caccia per alcuni.camuni 089Troviamo il carro con le 4 ruote, molto moderno per il II millennio a. C. Le due ruote anteriori erano più piccole e più distanziate  per permettere al veicolo una maggiore mobilità (alcuni anziani contadini usano ancora questo tipico carro nelle vallate) Al carro gli studiosi collegano anche un significato rituale, soprattutto perché il motivo si ripete spesse volte e vi vedono il trasporto del defunto nell’ al di là.camuni 102      La processione di figure oranti  del II millennio a.C è di difficile interpretazione. Si tratta sicuramente di donne  per la presenza delle coppelle tra le gambe che rappresentano l’organo femminile. La processione potrebbe indicare un rito funebre, oppure un parto, oppure una danza rituale.camuni 125   Sulla roccia n.35, verso la fine del parco, è raffigurato un intero paese. Con le case, gli animalicamuni 121         e tutto quello che si trova in un centro abitato.camuni 131       Si scende dal parco per una stradina e si arriva alla chiesa Delle Sante, sede di importanticamuni 007 camuni 192ritrovamenti paleolitici.  Il Museo Nazionale della Preistoria si trova nel centro del paese ed i parchi di Cemmo e di Bedolina Seradina sono situati  sull’altra sponda dell’Oglio. Intanto che aspetto l’apertura del museo mi dirigo verso la chiesetta di San Siro dell’XI-XII secolo che si trova a picco sulla montagna.camuni 206         Il portale è veramente un gioiello!camuni 319 camuni 226       La trovo fortunatamente aperta così posso ammirare l’affascinante cripta,camuni 262         le navate che si restringono verso il fondo per creare una maggiore sensazione di spazio, oltre che per adattarsi al luogo.camuni 239 camuni 240 Come quasi tutti gli edifici di questo periodo è stata costruita con i resti di un edificio romano di cui alcune pietre portano ancora le iscrizioni. camuni 261      Nella cripta gli antichi affreschi sono stati gravemente danneggiati dall’umidità mentre nella chiesa sono stati restaurati.camuni 234 camuni 228       La riproduzione del polittico  del Maestro Paroto sostituisce il quadro originario  che si trovava appunto nella chiesa.camuni 229 camuni 233      Un edificio veramente affascinante per la sua semplicità ed armonia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in paleoarcheologia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...