Ai piedi delle Dolomiti

belluno 001                                   Belluno è una  cittadina ai piedi delle Dolomiti. Si arriva in un grande parcheggio situato lungo il Piave e si sale in città attraverso tre grandi comode scalinate rotanti. Molto bella la piazza con il duomo ed il palazzo municipale,belluno 002                                            come pure la grande piazza, di cui non ricordo il nome,belluno 115                                    con gli affreschi del 1500 sulla facciata della chiesa di San Rocco.belluno 116 belluno 118                Lo scopo del mio viaggio era la visita al Museo Civico che si trova ora nel Palazzo dei Giusti ma che sarà trasferito presto a Palazzo Fulcis. Un museo piccolo ma estremamente interessante, nato dalle donazioni dei cittadini e ricco di collezioni che vanno dai reperti paleo-archeologici, alle porcellane, alle sculture, ai dipinti. Il museo era a mia completa disposizione come tutti i luoghi d’arte in Italia per i quali non sia stata fatta una pubblicità televisiva. Così, accompagnata da una gentile signora ho potuto ammirare splendide opere d’arte in tutta tranquillità e fotografarle per i miei affezionati lettori nel miglior modo possibile. Naturalmente non si poteva usare il flash per cui molte foto non sono riuscite e di molte opere non posso mostrare nulla.

belluno 008                             Il primo quadro che ho incontrato è stato -La donna che si pettina- di Bernardino Licinio e quindi la ricostruzione , interessante, anche se parziale, della decorazione ad affresco del palazzo della Comunità di Cividàl di Belluno. Tra il 1480 e il 1490 Jacopo Parisati di Montagnana e Pomponio Amalteo avevano affrescato la sala del consiglio della comunità con dipinti rappresentanti episodi romani. Delle loro opere ci restano solo pochi frammenti con i quali, grazie alle copie eseguite dall’incisore Melchiorre Toller e Ippolito Caffi, è stato possibile ricostruire alcuni particolari che ora accolgono il visitatore  al primo piano di palazzo dei Giusti.belluno 021 belluno 022 belluno 023 belluno 019                                            Fra questi spicca il ritratto di Zenone di Elea.belluno 015                 Abbiamo poi una deposizione di Cristo del XV secolo di zona macedone o serba.belluno 026                                         La testa della Samaritana di Sebastiano Ricci (1669-1714)belluno 029                                           L’annunciazione di Gaspare Diziani (1689-1767)belluno 031                              Le tavole di Marco Ricci che rappresentano ruderi classici, capricci architettonici ed ambienti campestribelluno 037                       Provenienti da palazzo Fulcis ecco tre grandi imponenti tele di Sebastiano Ricci commissionate da Pietro Fulcis che, in occasione della sua nomina a cavaliere di Malta, aveva fatto dipingere tutta la sala del primo piano della sua abitazione. Ricci dipinge sul soffitto la spettacolare -Caduta di Fetonte-belluno 050 belluno 045                      Fetonte, figlio del dio Helios, chiede al padre il permesso di guidare il carro del Sole a dimostrazione che lui è veramente suo figlio. Il dio Sole acconsente malvolentieri. Fetonte dopo un po’ non riesce più a governare i focosi destrieri e incomincia a creare terribili incendi sulla terra. Giove interviene uccidendolo con un fulmine. La pittura esprime tutta la drammaticità e la terribile tensione del momento.                                                                           Appartiene a Sebastiano Ricci anche la bellissima tela rappresentante Ercole ed Onfale.belluno 048 belluno 049                      Onfale, regina della Lidia, aveva catturato come schiavo Ercole e lo aveva costretto a vestirsi ed a comportarsi da donna per ben tre anni riuscendo pure ad avere tra figli da lui.belluno 060                              Nella stanza adiacente spicca la tela di Simone da Cusighe (1386-1414) rappresentante tra gli altri,Sant’Antonio Abate.belluno 062                                                Una Madonna con Bambino di Tomaso Aleni detto Fadino.belluno 067                                                                Una Madonna con Bambino di Bartolomeo Montagnabelluno 069                         Un’altra Madonna con Bambino ed angeli della bottega di Tiziano.belluno 073                                                            Cristo in Pietà di Giovanni da Mel                                             belluno 076                 Madonna con Bambino tra i santi Giacomo Maggiore e Giovanni Battista della bottega di Antonio da Tisoi.                              belluno 078                 Di Matteo Cesa abbiamo una Madonna con Bambino tra i santi  Michele e Tiziano.belluno 085                                  Di Jacopo Negretti detto Palma il Giovane abbiamo un Cristo in Pietà.                                                                                   belluno 081                       Santa Caterina d’Alessandria e San Giovanni Battista di Simone da Cusigne.                                                                         belluno 100                                        Il passaggio del Mar Rosso di Gaspare Diziani.                                                                                                                                                                                                          Bella anche la collezione di opere ottocentesche e gli intarsi e le sculture di Andrea Brustolonbelluno 040 belluno 041                                                                         ed i mobili presenti nel museo fra i quali spicca la bellissima panca di bottega bellunese con stemma della famiglia Zuliani del XVIII secolobelluno 051                                                Termino con uno sguardo sul fiume che scorre sotto la città.belluno 125

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ai piedi delle Dolomiti

  1. lois ha detto:

    Bisognerebbe avere sempre la curiosità di cercare e la capacità di diffondere il valore della bellezza, come fai con i tuoi post. Riuscire a mostrare e raccontare il patrimonio (culturale ed ambientale) che si cela in ogni dove. Occorre avere occhi nuovi e voglia di imparare e conoscere. Sempre e in ogni dove!

    • elena ha detto:

      Non è molto difficile trovare luoghi ricchi d’arte in Italia, ce ne sono dappertutto e sono lì a dimostrarci l’amore per l’arte ed il bello dei nostri antenati. Spesso mi chiedo come abbiano fatto a realizzare una tale quantità di opere, solo quelle che ci restano richiedono un lavoro incessante e mostruoso per non parlare di tutte quelle che ci sono state rubate o che sono andate distrutte. E’ una bella consolazione per noi e ci permette di dimenticare per un po’ il presente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...