L’arte e la guerra

Mart-guerra 031   La guerra che verrà non è la prima                                                                                                      Prima ci sono state altre guerre                                                                                                            Alla fine dell’ultima c’erano vincitori e vinti                                                                                      Fra i vinti la povera gente faceva la fame                                                                                            Fra i vincitori la povera gente faceva la fame ugualmente.Mart-guerra 054                                           Il titolo dell’esposizione del Mart di Rovereto -La guerra che verrà- si richiama ai primi versi della famosa poesia di B. Brecht ed è una riflessione sul modo in cui l’arte vede la guerra e le sue conseguenze sull’umanità e sulla realtà che ci circonda. La paura della morte e l’ineluttabile scorrere degli anni sono le grandi angosce degli umani che cercano di farvi fronte con l’arte che si proietta nel tempo sfidando i secoli, oppure con la guerra, una pazza sfida contro la morte. Il modi di pensare l’arte e la guerra sono le caratteristiche che maggiormente riflettono la società che le produce. Ogni epoca esprime un pensiero strategico ed un’espressione artistica che rappresentano ogni aspetto della vita sociale e culturale. La guerra appartiene al dominio della vita sociale, secondo von Clausewitz e Sun Tzu inizia il suo trattato -L’arte della guerra- con queste espressioni: “La decisione di muovere la guerra è di importanza vitale per lo Stato; è questione di vita o di morte” La strategia è un atto razionale con cui si vuole conseguire il massimo risultato con il minimo sforzo. Questo rende la guerra simile all’arte; il riuscire a dire in pochi tratti tutto quello che accade e si svolge in una società. Bastano poche righe, pochi tratti di pennello per esprimere orrore, miseria, angoscia. L’arte si confronta con la società martoriata dalla guerra e ne mette in risalto le contraddizioni, le angosce e le paure.                                                 Non c’è nell’esposizione del Mart un percorso cronologico perché tutte le guerre sono simili e diverse allo stesso tempo ed incombono ineluttabilmente sulla vita di tutti noi , la sconvolgono e distruggono le nostre esistenze in qualsiasi epoca storica.                                         Il progetto espositivo mette insieme le diverse visioni degli artisti sulle guerre e le sue sofferenze. Il passato diventa attuale e l’attuale si trasforma in un elemento storico, un carattere genetico immutabile dell’umanità.                                                                                             Mart-guerra 021 Mart-guerra 023       Le opere presenti sono veramente numerose. Ci sono quelle che si richiamano direttamente alla guerra.                                                                                                                         -Il mitragliere- e -il soldato- di Depero.Mart-guerra 010 Mart-guerra 013                     -Il soldato che beve- di Marc Chagall proveniente dalla Guggenheim di NY.Mart-guerra 057                      -Lo zaino in spalla- di CampigliMart-guerra 053                                 e opere di Baj e di BurriMart-guerra 047 Ma confesso che sono gli autori contemporanei quelli che mi hanno colpito di più, come la serie di opere di Martha Rosler intitolate -House beautiful. Bringing the war home- del 1967-1972.Mart-guerra 048                   E le incredibili immagini della fotografa persiana Gohar Dashti del 2008 intitolate: -Today’s life and war- provenienti dalla galleria Klein di Boston, in cui si mostra la vita di tutti i giorni dilaniata dai conflitti bellici e, in questo caso, da quello avvenuto tra l’Iran e l’Iraq nel 1980-88. Due giovani, lo sguardo sempre fisso nel vuoto, si sposano e compiono le azioni normali di ogni giovane coppia in uno scenario apocalittico.Mart-guerra 034 Mart-guerra 033 Mart-guerra 035 Mart-guerra 036 Mart-guerra 037 Mart-guerra 038 Mart-guerra 039 Mart-guerra 040 Mart-guerra 041            Affascinante anche il desolante -Atlantic Wall- di Magdalena Jetelova del 1955. Consiste in 10 fotografie in bianco e nero dei relitti dei bunker costruiti a difesa del Reich, sulla costa dello Jutland. Sulle pareti sono state proiettate alcune frasi del testo di Paul Virilio -Bunker archeology-Mart-guerra 116 Mart-guerra 118 Mart-guerra 117                     Di Sandow Birk si possono ammirare tutte le enormi tele raffiguranti l’orrore della guerra che si richiamano in modo dettagliato alle – Misères ed les malheurs de la Guerre- di Jacques Callot (v. post 19.5.’13)                                                                                                               Sandow Birk analizza le istituzioni e la cultura contemporanea con l’aiuto della storia e dell’arte antica, cercando di sconvolgere l’interpretazione storica che comunemente si attribuisce ai fatti trascorsi.Mart-guerra 081 Mart-guerra 082 Mart-guerra 083 Mart-guerra 084 Mart-guerra 085 Mart-guerra 086 Mart-guerra 087 Mart-guerra 088 Mart-guerra 089 Mart-guerra 090 Mart-guerra 091                          Ho passato parecchie settimane a rileggere von Clausewitz, Bouthoul e Sun Tzu per cercare di capire il perché della guerra, quando, lì davanti a me, un quadro nemmeno molto grande di Orlan del 1989, intitolato -L’origine della guerra- spiegava ogni cosa. Quando si dice la potenza dell’arte!Mart-guerra 094

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’arte e la guerra

  1. luigi meregalli ha detto:

    Ottima recensione . Ho visitato la mostra alla sua apertura , oltre ai dipinti , mi ha colpito i manoscritti originali , le lettere dei soldati al fronte …la mostra mi è piaciuta molto.
    grazie Elena
    luigi degli amici dell’arte di Riva 🙂

  2. elena ha detto:

    Grazie Luigi per aver letto il mio post e per il tuo gentilissimo commento. Anche a me è piaciuta molto l’esposizione. Nel museo della guerra di Rovereto potrai trovare esposte molte altre lettere dei soldati al fronte. Leggerle è veramente un’esperienza travolgente. Grazie ancora e complimenti per il tuo splendido lavoro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...