Arquà Petrarca

aquileia 418                      Arquà è sicuramente uno dei borghi più belli d’Italia. Deve la sua bellezza soprattutto al Petrarca che vi aveva stabilito la sua dimora e ai nobili veneziani e padovani che seguendo la fama del grande poeta avevano deciso di trasferirsi vicino alla sua casa.            Il paese si estende sull’altura denominata Monte Castello che riceve il nome dalle fortificazioni scomparse e da cui si domina tutta la vallataaquileia 452                     con il Monte Ricco dimezzato dalle vecchie cave.aquileia 465                         Ai piedi di Monte Castello e a metà della costa, sorgono due chiese: Santa Maria Assunta, di cui si parla già intorno al 1000,aquileia 417           e dove si possono ancora vedere alcuni affreschi di scuola veneto-bizantina del XII-XIII secolo, non nelle migliori condizioni.aquileia 423 aquileia 431 aquileia 432          e la chiesa della S.S Trinità costruita un secolo dopoaquileia 441                 con affreschi dello stesso periodo.                                                                                       Affascinanti le piazzeaquileia 461                       e le stradine che si inerpicano sulla collina mettendo in comunicazione la città bassa con la città alta.aquileia 414 aquileia 437 aquileia 436                    I palazzi dei nobili veneziani e padovani, fra cui i Contarini, i Borromei, i Pisani, ecc venuti ad abitare all’ombra della Poesia, danno un tocco d’arte a tutte le stradine.aquileia 466 aquileia 462                   assieme alle torri ed agli edifici di origine più antica come il campanile del XII secoloaquileia 439                  e l’adiacente loggia dei Vicari del 1200 che ospitava le riunioni dei capifamiglia convocati dal suono delle campane.aquileia 451            Sulle mura che sostengono le case ed i terrazzamenti svettano le piante di giuggiole dalle quali si ricava il -brodo di giuggiole- un liquore tipico del luogo.aquileia 454                      Ma il turista è richiamato ad Arquà soprattutto dal Petrarca che vi stabilì la sua dimora e che riposa nell’arca fatta edificare ,6 anni dopo la sua morte dal genero Francescuolo, in marmo rosso di Verona e posta sul sagrato della chiesa; tozza ed imponente.aquileia 419                   La casa del Poeta, costruita già nel 1200, era stata donata al Petrarca da Francesco II il Vecchio da Carrara ed era stata restaurata sotto la direzione dello stesso Petrarca nel 1369. E’ un po’ isolata rispetto al paese e si erge su un terrazzamento circondata da mura ben sorvegliate.aquileia 455                     All’interno  ci sono piccoli giardini che il Petrarca curava personalmente, piantumati ad alloro, giuggioli, cipressi, ecc. E’ vietato fotografare nella casa, ma in realtà non vi è nulla che avrei voluto immortalare. C’è un’ampia ricostruzione fotografica delle opere e della vita del Petrarca e le pareti sono affrescate con scene che si richiamano alla vita ed alle opere del Poeta eseguite nel XVI secolo che tolgono alla dimora l’elegante semplicità che si riscontra nelle sue opere. Di moderno c’è l’album che registra le emozioni dei visitatori famosi o meno. Molto bella invece la scalinata che porta al primo piano e la facciata principale aggiunta nel XV secolo.aquileia 459 aquileia 456                Mi sembra doveroso terminare con il sonetto 198

O cameretta, che già fusti un porto                                                                                                     a le gravi tempeste mie diurne,                                                                                                              fonte se’or di lagrime notturne                                                                                                              che ‘l dì celate per vergogna porto!

O letticciuol, che requie eri e conforto                                                                                                  in tanti affanni, di che dogliose urne                                                                                                  ti bagna Amor con quelle mani eburne                                                                                              solo vèr me crudeli a sì gran torto!

Nè pur il mio secreto e ‘l mio riposo                                                                                                      fuggo, ma più me stesso e ‘l mio pensero,                                                                                          che, seguendol, tal or levommi a volo;                                                                                                e ‘l vulgo, a me nemico ed odioso,                                                                                                        (chi ‘l pensò mai?) per mio refugio chero:                                                                                          tal paura ho di ritrovarmi solo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte e poesia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...