Barocco tirolese

Del Barocco amo soprattutto la musica. Trovo che il mondo sarebbe meno bello senza le opere di Monteverdi, Vivaldi, Purcell, Haendel, Bach, ecc…L’architettura e la scultura barocca mi lasciano invece abbastanza indifferente, anzi, davanti ad alcune espressioni artistiche di quel periodo provo una viva nostalgia per il Rinascimento in cui l’artista operava in rigidi schemi matematici che però gli permettevano di creare opere insuperabili e divine.                                                                                                                                                                Il Barocco è nato a Roma alla corte papale per venire incontro alle esigenze di prestigio e di ostentazione  dei potenti, soprattutto ecclesiastici. Si diffuse in tutto il mondo, in ogni parte del globo in cui le classi dominanti dovevano mostrare la loro superiorità sulle classi inferiori. E’ un’espressione artistica spettacolare. Fa leva sull’immaginazione e l’emotività, sull’esaltazione delle passioni, sulle forme esuberanti ed allegoriche e si impone per l’originalità dalle sue creazioni. Lo spazio viene rappresentato dinamicamente con il flettersi  delle murature, con il gioco di luce ed ombre creato dalle pareti che si arrotondano, con le vesti svolazzanti e i corpi attorcigliati scolpiti nel marmo. E stucchi, intagli, intarsi, muovono le murature e le rendono oggetto di meraviglia. Spesso per creare delle opere barocche  si distruggono affreschi e chiese medioevali o rinascimentali e questo succede spesso presso le corti principesche che disponevano di molto denaro che si erano procurato tartassando i comuni mortali a cui si mostravano nelle chiese i nuovi capolavori atti ad intimidirli.

A Bressanone esistono tre esempi importanti del periodo barocco. Si trovano tutti nel centro della città e si affacciano sulla piazza principale che dominano con la loro imponenza.sabiona 136                      Il più importante è il Duomo . sabiona 134Costruito sull’antico edificio le cui origini risalgono al X secolo, per volere del principe vescovo Kaspar Ignaz von Kunigl, fu portato a termine nel 1758 dal principe vescovo Leopold conte Spaur, sotto la direzione degli architetti Delai e Teodoro Benedetti. Vi si trovano 19 altari e 9 monumenti celebrativi dei rispettivi vescovi.sabiona 156               L’interno, a navata unica, ha una volta cilindrica sostenuta da pilastri marmorei che danno  origine ad un’originale sintesi tra il barocco lombardo e quello austriaco. sabiona 168      Le grandi volte a botte presentano affreschi di Paul Troger.sabiona 159                                                                 Non si può non notare quello  rappresentante l’adorazione dell’Agnello che copre 200 mq realizzato in 28 giornate e in cui tutte le figure salgono volteggiando verso Dio rappresentato dall’Agnello.                                                                                                                              La parte scultorea dell’altare  principale è opera di T. Benedetti, sabiona 157                        mentre la tavola, il transito della Vergine, è invece un lavoro di M. Unterberger. Il quadro di Sant’Anna è stato realizzato a Vienna da Franz Linder .sabiona 160                    La tela con il martirio di San Cassiano e la lunetta in cui si mostra il santo che abbatte gli idoli a Sabiona, sono opera di P. Troger.sabiona 162 sabiona 163                      Imponente l’organo costruito recentemente.sabiona 175                      A sinistra del Duomo si trova l’antico cimitero in cui sono stati sepolti i Brissinesi fino al 1793.sabiona 149                     Vi si trovano ancora le lapidi dei personaggi più importanti fra cui quella del conte von Wolkenstein raffigurato in partenza per le crociate.sabiona 144                                                                                                       L’interno dell’adiacente Chiesa di San Michele Arcangelo, edificata nel 1038 come sobrio edificio dedicato al popolo, fu ricostruito parecchie volte in seguito ai numerosi incendi e trasformato all’interno in edificio barocco nel 1757 mentre mantiene all’esterno una facciata ancora in stile tardo gotico.sabiona 143                   Gran parte dell’interno è opera  di Johann Hautzinger che vi lavorò dal 1757al 1758. L’atmosfera è resa suggestiva dal movimento delle voltesabiona 153                       e dall’immenso organo costruito dal maestro Egedacher di Salisburgo, realizzato nel 1730 sul coro appositamente costruito.sabiona 154                         Gli affreschi sul soffitto sono opera di Johann Hautzinger, un allievo di Troger.sabiona 151                             Impossibile mostrare gli altari perché la chiesa è avvolta in una generale oscurità. Risaltano nella penombra la tela dell’arcangelo Michele di Andrea Pozzosabiona 150                         e la statua di San Giorgio e il drago di Johann Perger.sabiona 152                    Sull’altro lato della piazza principale della cittadina di Brixen si trova la Hofburg,sabiona 268                    un immenso edificio costruito nel XIII secolo come cittadella fortificata dai principi vescovi, ristrutturato come edificio rinascimentale nel 1600, soprattutto nella parte interna,sabiona 272                     e reso barocco nel 1706 per volere del principe vescovo von Kunigl. Dal 1976 è un museo diocesano ricco di sculture e quadri di grande interesse storico e religioso. Racchiude all’interno la cappella aulica che si può visitare solo dall’alto di una passerella.sabiona 327                          La chiesa aulica, o cappella di corte, è stata voluta dal conte Kunigl e realizzata  dal 1707 al 1711. Il soffitto e le scene mariane sono opera di Kaspar Waldmann, la decorazione a stucco di Bernardo Pasquale.sabiona 328 sabiona 329 sabiona 330                       mentre l’altare, realizzato in marmi diversi,e le statue di Sant’Anna e di San Gioacchino sono opera di Cristoforo Benedetti. La pala d’altare con l’Immacolata Concezione è opera di Johann Georg Grasmair.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...