Arte e nostalgia

canova 002                    Una struggente nostalgia per il mondo antico ispira tutte le opere di Antonio Canova, uno dei più grandi scultori di tutti i tempi.canova 039                         Sulla collina di Possagno, davanti alla casa in cui è nato, ora museo e gipsoteca,canova 043                     si trova il tempio da lui voluto e progettatocanova 041                    con immense colonne doriche ispirate al Partenone di Atene,canova 030                     il corpo centrale simile al Pantheon romanocanova 022                      e l’abside in posizione elevata come nelle antiche chiese cristiane. In una nicchia è sistemata la tomba, da lui stesso disegnata, dove riposa assieme al fratellastro Giambattista Sartori Canova.canova 023                      L’interno della sua casa è ricco di quadri e disegni eseguiti in vari periodi in cui mostra un’abilità eccezionale pure nella pittura.                                                                             L’adiacente gipsoteca, con un’ala recente disegnata da Carlo Scarpa, raccoglie i calchi in gesso delle opere che ora si trovano  nei principali musei del mondo.canova 008                        Ricordo solamente il monumento a Maria Cristina d’Austria che si trova a Vienna, a forma di piramide, antico simbolo funerario degli Egizi, i monumenti ai papi Clemente XIV e Clemente XIII Rezzonico, a G. Washington, a Napoleone ed alla sua famiglia, fra cui le celebri opere dedicate a Giuseppina Borghese, Ercole e Lica e il Teseocanova 010                   Amore e Psiche stanticanova 011          le Tre Grazie, forse l’opera più conosciuta e tante altre.canova 004                         Ma è nel Museo Civico di Bassano dove sono raccolti i suoi disegni ed alcune copie delle sue opere che si può capire meglio il pensiero di Canova e la sua grandezza come artista.                                                                                                                                                                 Dopo la morte di Antonio, il fratellastro fece trasportare a Possagno tutte le opere d’arte e la documentazione presente nello studio romano. Alcuni gessi, studi preparatori, disegni ed epistolari, furono donati al Museo Civico di Bassano aperto nel 1828. Vi si possono ammirare lo splendido gruppo di Ettore ed Andromacabassano 146                      una raccolta di teste,bassano 141                    un calco della Venere Italica eseguita per sostituire la famosa scultura greca, raffigurante la dea dell’amore, asportata dai Francesi dagli Uffizi e di cui Canova esegue 6 copie.bassano 140                      Ma è guardando i suoi disegni che si coglie in profondità il suo pensiero e lo scopo di tutto il suo operare e la collezione di Bassano comprende 1727 fogli con circa 2000 disegni a penna o a matita.                                                                                                                                I disegni sono stati realizzati  prevalentemente in funzione delle opere scultoree ma sono nello stesso tempo una testimonianza dell’interesse profondo dell’artista per ogni forma d’arte, dalla pittura alla danza. Sono schizzi ed appunti ricchi di poetica creatività e mostrano una continua analisi estetica  alla ricerca del bello ideale ispirato e teorizzato nelle opere del suo amico tedesco , l’architetto Winkelmann, una specie di oracolo per quanto riguarda lo studio delle opere antiche al quale faceva eco il pittore-critico A.R. Mengs. Sono appunti grafici che traducono velocemente sulla carta il pensiero dell’artista e si possono pure considerare una specie di storia ed evoluzione  del suo modo di operare.        Si dividono in: -Studi dell’antico- importantissimi secondo lo scultore perché gli permettevano di cogliere le regole essenziali della proporzione teorizzata dai Greci, attraverso la quale si può giungere alla bellezza ideale.  canova 042                                             Ecco ad esempio il -Gladiatore Borghese-                                                  canova 043                     ed il -Torso del Belvedere-                                                                                                              Ci sono poi le accademie di studio virile raccolte in due album contenenti ciascuno 150 disegni, a matita o a carboncino, utili per impadronirsi della struttura anatomica studiandone la plasticità e il gioco delle luci sui corpi. Ecco il -Nudo virile stante di prospetto con gladio e scudo-               canova 040                       e quello con le mani portate alla fronte.canova 038                     I nudi virili, supino e di schiena.canova 036                     Le accademie di nudo femminile, di vario formato, rappresentano figure di rara eleganza e grazia. Sono realizzate soprattutto a matita con la quale Canova riesce rendere le sfumature più delicate. Solo alcuni esempi: -Due nudi femminili stanti uno di fronte e l’altro di prospetto-canova 034                           Altri due nudi femminili uno stante con le braccia incrociate al petto e l’altro disteso.canova 035                      Ed il nudo femminile seduto a terra di schiena, con le mani sulla gamba destra.canova 033                           Esistono poi i disegni , circa 225, delle figure panneggiate maschili, un tema importante nella poetica neoclassica che vedeva nel panneggio scolpito un tributo all’antichità classsica. Ecco -La figura  virile panneggiata di profilo, assisa sul podio, che reclina il capo appoggiandosi ad un bastone-canova 028                             e la figura virile con lungo mantello stante di profilo con il capo reclinato.canova 030                                       69 figure panneggiate femminili dispiegano davanti a noi un repertorio di sottili stati d’animo, di sfumature sentimentali, di pathos tragico o di grazia infinita come la -Figura femminile panneggiata accosciata e il capo reclinato su un rialzo roccioso e amorino in atto di incoronarla con una ghirlanda di fiori-canova 026                       e la figura femminile ripresa da tergo,canova 024                                    e la figura femminile assisa a busto ignudo.canova 022                                                                 I disegni d’invenzione sono il laboratorio segreto dell’artista, la testimonianza dei suoi studi , dei suoi interessi e delle sue curiosità. Vi vediamo le sue idee mentre si stanno formando, avvolte talvolta nell’incertezza, talvolta ricche di possibilità creative, pronte a trasformarsi in terracotta, poi in gesso, poi in marmo. Solo due esempi:canova 016                           Ercole che saetta i figli.canova 015                    e lo studio per il compianto di Cristo.                                                                                                I monocromi sono bozzetti a tecnica mista creati con olio, tempera e carboncino su tela grezza o su stucco di colore grigio. Spesso si tratta di progetti per bassorilievi portati ad un elevato grado di rielaborazione. Alcuni sono stati creati per scopi decorativi, altri per monumenti funebri come lo studio per la stele funeraria di Vittorio Alfieri,bassano 144                                                                               e  come -L’allegoria della nascita di Horatio Nelson con Minerva, Nettuno e Marte che consegnano all’Inghilterra l’eroe infante-canova 009                e la figura piangente accanto ad un busto,canova 007                        La danza delle Grazie con amorino è stata sicuramente eseguita a scopo decorativo,canova 010                                    come le due danzatrici che reggono un amorino e le ninfe accovacciate.canova 011                         Al Museo di Bassano è conservata pure l’importante raccolta di lettere  che Canova aveva scritto e ricevuto dai suoi importanti amici e committenti; celebre quella indirizzata al Cardinale Consalvi che Canova inviò da Parigi, nel 1815, dove era stato mandato dal papa, in qualità di artista più famoso del tempo, per recuperare le opere antiche ed i quadri che le truppe napoleoniche avevano rubato in Italia. Canova descrive la ‘scellerata questione’ con parole addolorate e con grande tristezza soprattutto quando parla di Talleyrand, il delegato francese della conferenza di pace che non voleva restituire nulla. Il successo di Canova fu dovuto al sostegno di un gruppo di diplomatici inglesi (Hamilton, il duca di Wellington, lord Castelreagh, Charl Long, tutti amici di Canova) i quali pagarono pure il trasporto delle opere in Italia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in disegno, scultura e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...