Il libro di pietra

P1030830                                  L’Opera di santa Maria del Fiore, fondata nel 1296, esiste ancora e si occupa della cattedrale, del battistero, della cupola del Brunelleschi, del campanile di Giotto, della cripta di santa Reparata e del museo dell’opera del Duomo. Quest’ultimo, splendidamente restaurato, si estende ora  su una superficie di 6000 metri quadrati che permettono di esporre tutte le opere che sono state tolte dagli edifici sopra nominati.P1030900                                Una lunga sala è dedicata alle sculture che provengono dalle pareti del campanile di Giotto, dove sono state sostituite da copie. Sedici sculture, opera di Donatello, Andrea e Nino Pisano, dominano le aperture che si affacciano sul modello della cattedrale di Santa Maria del Fiore, ricostruita com’era in origine, nel 1296, secondo il progetto di Arnolfo di Cambio, prima che il granduca Francesco I nel 1587 non restaurasse la facciata secondo criteri moderni. Ecco quindi uno splendido Abacuc di Donatello del 1434-36

.P1030902                                       Un re Salomone del 1337-41 di Andrea Pisano P1030905                               e la Sibilla Eritrea del 1337-41 di Nino Pisano di cui ho pubblicato all’inizio del testo la foto. Tutte le statue sono opere eccelse che meriterebbero un’analisi approfondita, ma quello che ha attirato  la mia attenzione sono state soprattutto le formelle del lato destro, rilievi originali del campanile di Giotto, da cui sono stati tolti nel 1995 e sostituiti con calchi in cemento e che io non avevo mai visto pur avendo guardato il monumento tante volte. Segno che la mia distrazione raggiunge livelli che non credevo pensabili e che il mio modo di vedere la realtà è riduttivo e superficiale.P1030731                                   Finalmente, grazie all’esposizione del museo potevo rendermi conto della ricchezza di immagini e di significati esposti agli occhi dei fedeli e dei passanti per tanti secoli e potevo cercare di cogliere almeno una parte del loro significato.                                                              Nella lunga parete della sala, le formelle sono state collocate nello stesso ordine con cui erano sistemate sul campanile e divise quindi in 4 sezioni. Sono due teorie di rilievi per ogni lato: i superiori hanno forma di losanga mentre gli inferiori sono esagonali. Insieme rappresentano la summa iconografica dell’intero medioevo, simile a quella delle sculture e vetrate che si ritrovano sulle cattedrali del Nord Europa. Alla base del programma scultoreo vi è quasi sicuramente lo Speculum Majus del teologo domenicano Vincenzo di Beauvais che nella sua opera aveva riunito la totalità delle conoscenze umane e vi sono le ricerche e gli studi del frate domenicano Remigio dei Girolami, maestro di Dante.                                                                                                                          Merita sicuramente un’analisi anche la forma dei rilievi: a losanga quelli superiori, dove sono personificati i pianeti, le virtù e le arti; ad esagono quelli inferiori con i mestieri e le attività umane.                                                                                                                                                             La losanga in quasi tutti i popoli antichi simboleggia la luna  reggitrice del tempo e padrona della fertilità cosmica. Il ciclo della luna è composto da due V, di cui una capovolta. Le due V riunite raffigurano la fecondazione, quindi la dea madre e la vulva, come nelle tavole di Gubbio del III a. C. Le losanghe allungate rappresentano talvolta anche il rapporto tra il cielo e la terra.                                                                                                                                  Anche l’esagono è ricco di significati. Timothy Verdon, autore della bella guida del museo, afferma che è stato scelto dall’artista perché rappresenta i 6 giorni della creazione. Si può anche ipotizzare che sia stato scelto in ricordo dei Pitagorici per i quali il numero 6 rappresenta la perfezione  in quanto corrisponde alla somma dei suoi divisori: 1+2+3=6, inoltre permette la costruzione sui  lati di altri 6 esagoni che chiudono integralmente la figura centrale. Il 6 domina inoltre nell’Apocalisse, come il simbolo dell’uomo. Quindi Andrea, o forse Giotto, a cui talvolta si attribuiscono i disegni, probabilmente vedeva nella losanga il rapporto tra il cielo e la terra e nell’esagono  la vita umana nel suo evolversi.

Le formelle presenti nella sala sono in tutto 54. Si parte dai primi rilievi del lato ovest, che narrano, negli esagoni, gli inizi del lavoro umano secondo la Bibbia mentre le sovrastanti losanghe raffigurano i pianeti disposti secondo il modello tolemaico.                                                           Le losanghe sono opera della bottega di Andrea Pisano del 1334-43. Mentre gli esagoni sono stati eseguiti nello stesso periodo da Andrea Pisano che aveva sostituito Giotto anche come sovraintendente dei lavori del campanile.P1030832                       La personificazione del pianeta Saturno domina la creazione di Adamo: quella del pianeta Giove la creazione di Eva mentre il pianeta Marte sorveglia il lavoro di Adamo e Eva.

P1030843                          la losanga con il Sole come dio Apollo si trova sopra Jabal, ossia l’inizio della vita dedicata alla pastorizia. Jabal, diretto discendente di Caino (Genesi 4,17-24) fu il pioniere di ogni allevamento e degli abitanti delle tende.P1030842                                          Il pianeta Venere P1030846                             si trova sopra Jubal, fratello di Jabal, creatore dell’arte musicale, come narra la Genesi.P1030845                                                       La personificazione del pianeta MercurioP1030849                           sovrasta Tubalcain, anche lui discendente di Caino, il primo a lavorare il ferro e il rame e quindi simbolo dell’inizio della metallurgia.P1030848                             La personificazione della LunaP1030852                            protegge l’ubriachezza di Noè, ossia l’inizio della viticultura (opera di A. Pisano e aiuti)P1030851                                 Nonostante le foto lascino alquanto a desiderare i miei lettori avranno sicuramente apprezzato la bellezza di queste sculture, la delicatezza nelle raffigurazioni e la cura dei particolari. Ogni opera narra aspetti della vita reale con un’analisi dei volumi che lascia intuire l’influenza degli insegnamenti di Giotto, come ad esempio nella botte qui sopra scolpita o nella raffigurazione di Jabal, realistico pastore attorniato dalla tenda che gli crea attorno profondità e volume e dai suoi animali che sembrano ricchi di vita.

Nel lato sud del campanile le virtù sono in diretta relazione con le attività umane  che  sembrano proteggere e dirigere.

La fede                                                                                                                       P1030855                                        protegge Gionitus, figlio di Noè, il primo navigatore e il primo astronomo (opera di A.Pisano e Aiuti) Stupisce la forma della terra che non è piatta, ma rotondeggiante, e la strana teoria di testoline che guardano dall’alto il primo navigatore.P1030854                                        La caritàP1030858                                          protegge l’ediliziaP1030857                             La speranzaP1030861                                 la medicina, e in questo accostamento credo non ci sia nessun intento sarcastico.P1030860                                          La prudenzaP1030864                                   sovrasta l’equitazione.P1030863                                   La giustiziaP1030867                                             sovrasta la tessitura, ma credo che questa disposizione nella sala non corrisponda all’originale.P1030866                                       La temperanzaP1030870                              protegge Phoroneus ovvero l’inizio della legislazione.Si narra che  Phoroneus, mitico re dell’Argolide,  abbia introdotto pure il fuoco.P1030869                                   La fortezzaP1030873                                              protegge Dedalo, ovvero la meccanica.P1030872

Sul lato est si raffigurano le attività dell’uomo protette dalle arti del trivio e del quadrivio; una celebrazione degli studi dell’università aperta nel 1349 proprio vicino al campanile. Ma osserviamole tutte; sono troppo belle perché io riesca a compiere una selezione . Anche qui, se non è scritto altrimenti, le losanghe sono opera della bottega di Andrea Pisano mentre gli esagoni sono creazioni di Andrea Pisano del 1343-60.P1030876                          l’astronomia guida dall’alto la navigazione.P1030875                                  La musica sovrasta Ercole e Caco nell’attuale disposizione del museo ma credo che in origine sopra Ercole che punisce Caco per i furti di bestiame ci fosse la giustizia che abbiamo visto sopra.P1030878                                   La geometria aiuta l’agricoltura mentre la grammatica protegge la teatrica.P1030879                                  L’aritmetica è indispensabile all’architettura.P1030886                             La logica e la retorica si ritrovano da sole perché l’apertura di una porta aveva fatto spostare gli esagoni sul lato nord.P1030884

Sul lato nord : nella prima fila di sinistra il sacramento del battesimo si trova sopra Fidia, ossia la scultura, quindi abbiamo il sacramento della riconciliazione sopra Apelle, ossia la pittura. Il sacramento del matrimonio si trova sopra l’esagono realizzato da Luca della Robbia nel 1437-39 che raffigura Donato, lo studioso del IV sec. d.C. e quindi la Grammatica.P1030887                                   Nella prossima foto, nella fila a sinistra, la bottega di Andrea  realizzò il sacramento dell’ordine sacro, Andrea Pisano la Madonna con il Bambino e Luca della Robbia Platone e Aristotele. Segue il sacramento della cresima  della bottega di Andrea Pisano con sotto Orfeo, ovvero la musica, di Luca della Robbia. Quindi il sacramento dell’eucarestia domina la formella di Luca della Robbia che rappresenta Euclide e Pitagora, ovvero la geometria.  P1030891                         A completare il ciclo della vita e della storia umana non resta che l’estrema unzione della bottega di Andrea Pisano che sovrasta Pitagora, ovvero l’astrologia o l’armonia di Luca della Robbia.P1030896                                Un autentico libro di pietra che narra le origini della nostra storia con eleganza e grazia, tralasciando gli  episodi  crudeli come la cacciata di Adamo e Eva dal paradiso, le guerre, le carestie, le sadiche torture dei santi, le truci visioni dell’inferno, i sacrifici degli animali, per ricordare solamente gli episodi e le attività che hanno permesso agli esseri umani di migliorare le loro conoscenze e la loro vita. Sculture ricche di eleganza ritmica in cui si sente l’influenza di Giotto, delle sculture francesi e delle rovine romane che Andrea Pisano aveva trovato vicino al Camposanto di Pisa e a lungo studiato. Nelle pagine di questo splendido  libro di marmo vi sono alcune importanti novità preludio della nuova epoca che sta per incominciare; ossia l’esaltazione dell’architettura, della pittura e della scultura , considerate nei secoli precedenti semplici attività artigianali e qui mostrate invece come attività intellettuali  da compiere nella solitudine dello studio, perché guidate dalla matematica e perché hanno la caratteristica di comprendere e dominare la realtà come del resto l’astrologia  che scruta i cieli  o il medico che mostra ai pazienti il vasetto con l’urina, esame e studio della stessa realtà. Perché -Noi siamo fatti della stessa sostanza delle stelle- come dirà Giordano Bruno e i Fiorentini  che lavoravano per la bellezza della loro città, lo sapevano da sempre.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il libro di pietra

  1. Sandro ha detto:

    Il tuo post mi è molto utile per i miei studi che riguardano le facciate delle antiche chiese. Fai un cenno alle cattedrali del Nord Europa, potresti darmi qualche ulteriore indicazione? Grazie

  2. elena ha detto:

    Sono felice che il mio post ti possa essere utile. Sicuramente conosci gli studi di Emile Male sul gotico e quindi tutta la bibliografia in proposito. Per quanto riguarda le cattedrali del nord Europa ti posso parlare solamente di quella di Chartres, che ho guardato con attenzione non molto tempo fa. Le sculture delle facciate delle cattedrali francesi risalgono all’XI-XII secolo, quindi 100 o più anni prima di quella fiorentina, è evidente che lo stile sia molto diverso, molto più armonioso e umano quello toscano, severo, regale, imponente quello francese. Sulla cattedrale di Chartres le sculture si susseguono su tutta la facciata senza lasciare uno spazio libero. Le statue dei santi , allungate e strette si piegano per circondare la costruzione dell’edificio; sono quasi delle colonne- statue. Ai piedi di ogni santo importante c’è il suo carnefice o la raffigurazione del nemico infernale. La facciata di Chartres racconta tutta la storia dell’antico e del nuovo testamento, e in questo possiamo accostarla ai rilievi del Campanile di Giotto. Si parte dalla creazione di Adamo e Eva, in cui le raffigurazioni sono simili a quelle di Andrea Pisano, per giungere alla Vergine,quindi alla raffigurazione del paradiso e dei demoni dell’inferno. Importante in quella di Chartres è la raffigurazione della lotta al nemico che in quell’epoca era rappresentato soprattutto dagli Albigesi e dagli studiosi delle opere di Aristotele. Molto simile a quella di Andrea è l’accostamento delle raffigurazioni degli archivolti dei timpani di Chartres delle 7 arti liberali ai 7 personaggi storici , greci o latini che ne sono stati i fondatori o i personaggi più importanti. La differenza che salta subito agli occhi non è quella della forma evidentemente non paragonabile,ma quella del sentimento religioso che pervade tutta l’opera delle cattedrali francesi, anche nelle splendide vetrate che riprendono gli stessi temi. L’essere umano è visto solamente in funzione della religione, mentre a Firenze, un secolo dopo, gli stessi temi servono per esaltare la vita sulla terra e le scoperte sono opera dell’umanità.
    Spero di averti dato qualche indicazione utile ma sono comunque a tua disposizione per ulteriori informazioni, che mi auguro di essere in grado di fornirti.

  3. Sandro ha detto:

    GRAZIE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...